Tags: Supply chain

Una supply chain 4.0 può rappresentare un vettore di efficientamento e innovazione per le aziende italiane. Non fossero bastati gli esempi e best practice degli ultimi anni, le difficoltà di coordinamento e gestione delle filiere1 nel biennio 2019-21 lo hanno dimostrato definitivamente. Intervenire sui processi di interfaccia garantisce in effetti benefici significativi: in particolare, consente di costruire modelli di gestione più reattivi in un contesto iperdinamico.

SAP offre da questo punto di vista un portfolio di soluzioni di supply chain management che assicurano una governance efficiente e una salda interconnessione tra gli attori della filiera. Implementate e adeguate al contesto aziendale grazie a un abilitatore esperto come Data Network Consulting, tali soluzioni riescono a esprimere tutte le potenzialità di una supply chain 4.0.


I vantaggi di una supply chain 4.0

Come nel contesto produttivo, anche nei processi di filiera il paradigma 4.0 identifica strumenti e tecnologie capaci, in sintesi, di garantire migliore integrazione, controllo in tempo reale, approccio data-driven ed elevata reattività. Secondo McKinsey&Co, in questo modo si riescono per esempio a ridurre del 30% i costi di filiera2.

Al di là della cost-effectiveness, una supply chain 4.0 si adatta molto meglio alle esigenze attuali e future del mercato. Questo, tra le altre cose, perché garantisce:

  • - elevata visibilità e tracciabilità dei processi;
  • - comunicazione efficiente e on-time tra tutti i soggetti coinvolti;
  • - data quality a supporto dei processi decisionali;
  • - elasticità per ammortizzare criticità e sfruttare opportunità.


A fronte di questi indubbi vantaggi, si riscontra però un deficit di investimenti in materia. Lo segnalano osservatori specializzati come quello del Politecnico di Milano e lo rilevano anche incontri di settore come il recente webcast di Digital4Biz3. Secondo queste fonti, l’innovazione almeno per ora sembra indirizzarsi molto più al reparto produttivo che al sales & operation planning.

Le cause di questo trend sono molteplici. Per un verso un intervento a livello di supply chain è più complesso. Le filiere sono organismi relazionali e innovarle richiede uno sforzo di collaborazione e condivisione che non sempre si riesce, o si è disposti, a fare. Per altri versi, al momento si può contare su un numero ridotto di soluzioni tecnologiche.

SAP, in questo senso, è tra gli operatori in grado di offrirle.


Un supply chain management più evoluto grazie a SAP

In tema di supply chain management, SAP propone un portfolio di soluzioni4 che mirano ad applicare organicamente il paradigma 4.0 alla gestione delle filiere. Tali soluzioni intervengono a diversi livelli creando un ecosistema coerente ed integrato mediante il quale:

  • - monitorare in tempo reale i processi di filiera;
  • - comunicare in maniera agile con tutti gli interlocutori coinvolti;
  • - estrarre i dati rilevanti e processarli per simulazioni affidabili di scenario;
  • - ottimizzare l’impiego delle risorse e migliorarne la cost-effectiveness.


Gli strumenti sono molteplici ma individuano due principali direzioni di efficientamento: la gestione dei dati e il coordinamento delle relazioni.

In tema di data management, per esempio, SAP offre con Master Data Governance uno strumento completo di governance. Offre funzioni avanzate per la parametrizzazione delle informazioni e il loro utilizzo, quindi utilizza il machine learning per agevolarne la gestione. In questo modo offre un modello di data governance efficace e qualitativamente prezioso per indirizzare i processi decisionali. In tema di coordinamento dei processi, SAP propone poi collaboration portals, lato supplier e lato customer, che abilitano una gestione end-to-end tanto delle operazioni di approvvigionamento quanto di quelle di distribuzione.

Nel primo caso, il supplier collaboration portal agevola la selezione dei fornitori, la verifica delle conformità e la gestione digitale del procurement. Il risultato sono procedure più snelle, time- e cost-effective, e un migliore allineamento degli approvvigionamenti alle effettive esigenze. Il customer collaboration portal offre vantaggi analoghi dall’altro lato. In particolare con livelli di servizio e di customer experience più elevati. La gestione real-time delle fluttuazioni della domanda consente di modulare di conseguenza i processi produttivi, mentre il monitoraggio capillare dei processi logistici garantisce tempistiche precise e delivery puntuali.


DNC per una supply chain 4.0 realmente efficiente

Le soluzioni SAP hanno indubbie potenzialità, ma per esprimerle appieno occorre calarle concretamente nella realtà aziendale. La digitalizzazione dei processi di filiera è infatti un’operazione complessa, tra l’altro perché implica il coinvolgimento di più attori.

Per questo motivo l’azione di un system integrator qualificato è fondamentale, e Data Network Consulting può effettivamente garantire risultati di valore. I presupposti dell’azione di DNC sono un auditing meticoloso e una scrupolosa analisi dei costi e degli obiettivi realizzabili. Ciò presuppone una analisi dello scenario as-is, che considera i processi aziendali per come effettivamente si svolgono. Implica inoltre una rendicontazione completa dei costi di un progetto, fondamentale per evitare incomprensioni o rettifiche in corso d’opera.

Una volta definito il campo d’azione e gli obiettivi da raggiungere, DNC procede all’implementazione effettiva della soluzione SAP prescelta. Un processo per la cui buona riuscita è essenziale il coinvolgimento attivo tanto del management quanto dei collaboratori. Per questo motivo DNC punta su attività di formazione e, più in generale, sottolinea l’importanza di un change management adeguato a cogliere differenze e linee di continuità nell’utilizzo dei nuovi strumenti.

Con una impostazione del genere, è possibile effettivamente cogliere i frutti migliori dalle soluzioni SAP e abilitare così un modello di supply chain 4.0 più efficiente e dinamico nella gestione dei processi di filiera.


1 Fonte: McKinsey
2 Fonte: McKinsey
3 Fonte: Digital4
4 Fonte: SAP


Clicca qui e scarica il White Paper: "SAP Security Outsourcing: come funziona, le attività e i vantaggi di un AMS"